Rilievo Laser Scanner e Modellazione BIM del Rifugio Antiaereo “PRIONE-QUINTINO SELLA” alla Spezia

RILIEVO LASER SCANNER E MODELLAZIONE BIM DEL RIFUGIO ANTIAEREO “PRIONE-QUINTINO SELLA” ALLA SPEZIA (SP)

LUOGO La Spezia
PAESE Italia
CLIENTE Comune della Spezia
ANNO 2020
DESCRIZIONE Rilievo Laser Scanner e modellazione BIM

Cenni Storici

Il rifugio antiaereo Quintino Sella è situato nel centro storico della Spezia.

Le sue gallerie si estendono al di sotto della collina del Poggio, sulla quale si trova il Castello San Giorgio. La struttura ebbe un ruolo fondamentale durante la Seconda Guerra Mondiale quando, nell’anno 1943, il centro storico e l’Arsenale subirono una serie di bombardamenti aerei da parte delle forze alleate.

Al rifugio antiaereo è possibile accedere tramite il cancello che si affaccia su Via del Prione, al di sotto della scalinata Quintino Sella e per mezzo di due sbocchi secondari, situati rispettivamente lungo Via Alessandro Manzoni ed alle spalle di Piazza Sant’Agostino.

OBIETTIVO DELL’ATTIVITA’

La digitalizzazione del rifugio antiaereo ha lo scopo di ottenere un modello dettagliato e fedele delle gallerie che sarà utilizzato come riferimento per prossimi interventi di recupero e riconversione degli spazi.

CAMPAGNA DI RILIEVO

STRUMENTI UTILIZZATI CARATTERISTICHE TECNICHE
Laser Scanner Leica RTC360 Classe Laser 1 (in accordo alla IEC 60825-1:2014), 1550 nm (invisible)
Range fino a 130 m
Risoluzione da 3 mm a 10 m
Accuratezza 1.9 mm a 10 m
Acquisizione fotografie con sistema di 3 fotocamere da 36 MP di 432 MP di dati grezzi per immagine sferica calibrata a 360° x 300°; funzione HDR

Le scansioni effettuate hanno riguardano sia le gallerie del rifugio antiaereo sia il contesto urbano limitrofo.

Il rilievo dell’infrastruttura, poco illuminata, lineare ed estesa in lunghezza, comporta l’utilizzo di target che servono come riferimento per l’allineamento dei vari setup.

Il rilievo del contesto urbano è programmato al fine di sfruttare al meglio le ore di minor affollamento del centro città ed avere quindi l’area di rilievo più sgombera possibile. In questo caso il laser scanner è stato impostato secondo la funzionalità ‘doppia scansione’, settaggio molto utile in tutte quelle situazioni in cui nell’ambiente da rilevare sono presenti mezzi o persone in movimento. Il settaggio ‘doppia scansione’ identifica, riconosce ed elimina i punti che tra le due scansioni hanno subito uno spostamento.

GESTIONE ED ELABORAZIONE DEI DATI DI RILIEVO

Al termine del rilievo laser scanner, i dati ottenuti sono gestiti e combinati all’interno del software Cyclone Register 360.

Il pre-allineamento automatico delle scansioni viene perfezionato e verificato, la nuvola di punti viene ‘ripulita’ e ‘decimata’ in funzione degli obiettivi ed il rilievo viene georeferenziato sulla base dei punti GPS acquisiti.

Procediamo con l’esportazione di una nuvola di punti totalmente fedele alla realtà e di fotografie a 360° tramite le quali è possibile navigare all’interno del sito ed effettuare sopralluoghi virtuali.

MODELLAZIONE BIM

Dalla nuvola di punti è stato possibile realizzare il modello BIM del rifugio antiaereo sfruttando gli strumenti di modellazione BIM che si basano su estrusioni di percorso lungo traiettoria.